VADEMECUM PRESENTAZIONE CANDIDATURE ELEZIONI COMUNALI 2017

PRESENTAZIONE CANDIDATURE ELEZIONI AMMINISTRATIVE

 DELL’11 GIUGNO 2017

 

VADEMECUM PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE PER L’ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE

 

Il presente vademecum non riveste carattere di ufficialità ma offre un quadro sintetico della pubblicazione ministeriale “Istruzioni per la presentazione e l’ammissione delle candidature”, alla quale si rimanda per gli ulteriori dettagli delle informazioni.

 

Numero dei candidati a consigliere comunale nei comuni con popolazione compresa tra 3.001 e 10.000 abitanti: almeno 9 e non più di 12.

Numero necessario di sottoscrittori di lista nei comuni con popolazione compresa tra 2.001 e 5.000 abitanti: almeno 30 e non più di 60 elettori dello stesso comune.

Presentazione delle liste

La presentazione delle candidature alla carica di Sindaco e delle liste dei candidati alla carica di consigliere dovrà essere effettuata dalle ore 8 alle ore 20 di venerdì 12 maggio e dalle ore 8 alle ore 12 di sabato 13 maggio 2017.

– Ogni lista, entro lo stesso giorno di presentazione, viene trasmessa alla Commissione Elettorale Circondariale, cui compete di controllare la regolarità formale e sostanziale delle candidature e della documentazione allegata.

– La Commissione Elettorale Circondariale effettuerà la verifica delle candidature presentate e della documentazione allegata entro il giorno successivo alla scadenza del termine per la presentazione delle liste e provvederà all’assegnazione, mediante sorteggio, di un numero progressivo a ciascuna di esse.

 

DOCUMENTI NECESSARI PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE

 
1) Candidatura alla carica di sindaco e lista dei candidati alla carica di consigliere comunale e dichiarazione di presentazione della lista

Ciascuna candidatura alla carica di sindaco è collegata ad una lista, che deve comprendere un numero di candidati non superiore al numero dei consiglieri da eleggere (12) e non inferiore ai tre quarti (9).

Nei comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti nella composizione della lista deve essere assicurata la rappresentanza di entrambi i sessi.

Si ricorda che solo nei comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti è definita una quota massima di candidati del genere più rappresentato in ciascuna lista pari a due terzi dei candidati ammessi ma tale rapporto potrebbe rappresentare riferimento anche per la composizione delle liste nei comuni di minori dimensioni.

La legge non prescrive una particolare formulazione per la dichiarazione di presentazione della lista di candidati, sarà perciò, sufficiente che contenga i requisiti sostanziali che la legge richiede.

Possono essere utilizzati i seguenti modelli predisposti dall’ufficio di segreteria in formato A3 e pronti per essere stampati in fronte/retro nel formato libro:

Atto principale

Atto separato

I Candidati compresi nella lista devono essere contrassegnati con un numero d’ordine progressivo.
Con la lista deve anche essere presentato il nome e cognome del candidato alla carica di sindaco e il programma amministrativo.

Di tutti i singoli candidati, sia alla carica di sindaco sia a quella di consigliere comunale, compresi nella lista deve essere indicato il cognome, il nome, il luogo e la data di nascita. Le donne coniugate o vedove possono aggiungere anche il cognome del marito.
La dichiarazione di presentazione delle liste dei candidati al consiglio comunale e delle collegate candidature alla carica di sindaco deve essere sottoscritta, da non meno di 30 e da non più di 60 elettori, nei comuni con popolazione compresa tra 2.001 e 5.000 abitanti.

 

– Le sottoscrizioni sono nulle se anteriori al 180º giorno precedente il termine finale fissato per la presentazione delle candidature.

– Le eventuali sottoscrizioni apposte dai candidati a sostegno della propria lista devono ritenersi come non apposte (Consiglio di Stato, Quinta Sezione, sentenza 6 ottobre 2014, n. 4993).

– Nessun elettore può sottoscrivere più di una dichiarazione di presentazione di lista (ammenda da 200 a 1.000 euro) (articoli 28, terzo comma, 32, quarto comma, e 93 del testo unico n. 570/1960, come modificato dall’articolo 1 della legge n. 61 del 2004).

 

– La firma di ogni sottoscrittore deve essere autenticata, a norma dell’articolo 14 della legge n. 53/1990 e s.m., che individua i soggetti a ciò abilitati. Tra questi si ricordano notai, giudici di pace, cancellieri e/o collaboratore delle cancellerie delle corti d’appello, dei tribunali o delle sezioni distaccate dei tribunali, segretario comunale,  funzionario incaricato dal sindaco,  consigliere comunale che abbia comunicato la propria disponibilità al sindaco, ciascuno esclusivamente nell’ambito di competenza territoriale dell’ufficio cui appartiene.
– Nei comuni con popolazione sino a 15mila abitanti è prevista la facoltà di indicazione di due delegati di lista, ai fini della loro assistenza alle operazioni di sorteggio delle liste e della designazione dei rappresentanti di lista presso ogni seggio elettorale. Nulla vieta che la scelta dei delegati cada su persone che siano anche presentatori o candidati.

 

2) Certificati attestanti che i presentatori della lista sono iscritti nelle liste elettorali del comune rilasciati, anche in forma cumulativa, dall’ufficio elettorale, nel termine di 24 ore dalla loro richiesta.

 

3) Dichiarazioni autenticate di accettazione della candidatura per la carica di sindaco e per la candidatura alla carica di consigliere comunale. La dichiarazione di accettazione della candidatura deve contenere anche la dichiarazione sostitutiva nella quale si attesta che il candidato medesimo, a sindaco o a consigliere, non si trova in alcuna delle cause di incandidabilità previste dalla Legge (articoli 10 e 12 del decreto legislativo n. 235 del 2012).

I cittadini dell’Unione europea – ove non siano stati iscritti nelle liste elettorali aggiunte del comune di residenza – devono presentare, in luogo del certificato di iscrizione nella lista aggiunta,  un attestato dello stesso comune dal quale risulti che la domanda di iscrizione nelle liste elettorali aggiunte sia stata presentata nel termine stabilito dall’articolo 3, comma 1, del decreto legislativo 12 aprile 1996, n. 197, cioè non oltre il quinto giorno successivo a quello in cui è stato affisso il manifesto di convocazione di comizi elettorali.

 

Possono essere utilizzati i seguenti modelli predisposti dall’ufficio di segreteria in formato A4:

Modello di dichiarazione di accettazione della candidatura alla carica di sindaco

Modello di dichiarazione di accettazione della candidatura alla carica di consigliere comunale

 

4) Certificati attestanti che i candidati sono iscritti nelle liste elettorali di un comune della Repubblica rilasciati dall’ufficio elettorale, nel termine di 24 ore dalla loro richiesta.
 
5) Modello di contrassegno di lista: n. 3 copie a colori con diametro 10 cm n. 3 copie a colori con diametro 3 cm.

– I contrassegni dovranno essere riprodotti su carta lucida con inchiostro di china o tipografico, in due misure diverse, rispettivamente circoscritti uno da un cerchio del diametro di 10 cm. e l’altro da un cerchio del diametro di 3 cm.

Eventuali diciture facenti parte del contrassegno dovranno risultare circoscritte dal cerchio.

– Per evitare ogni dubbio da parte delle autorità incaricate della stampa dei manifesti e delle schede è necessario che i disegni dei modelli siano perfettamente identici nelle due misure e che venga indicata la parte superiore e quella inferiore dei modelli medesimi.

– E’ opportuno che, oltre al deposito degli esemplari cartacei del contrassegno, venga depositato il contrassegno stesso su supporto informatico, ad esempio su compact disc, dvd, pen drive e simili nei formati jpeg e pdf (resta inteso che il contrassegno su supporto informatico dovrà costituire una fedele riproduzione di quello acquisito su supporto cartaceo).

– Qualora venga usato il simbolo di uno dei partiti che abbia avuto eletto un proprio rappresentante anche in una sola delle due Camere o nel Parlamento Europeo o che sia costituito in gruppo parlamentare anche in una sola delle due Camere nella legislatura in corso alla data di indizione dei comizi elettorali, all’atto di presentazione deve essere allegata una dichiarazione sottoscritta dal presidente o dal segretario del partito o gruppo politico o dai presidenti o segretari regionali o provinciali di essi che tali risultino per attestazione dei rispettivi presidenti o segretari nazionali ovvero da rappresentanti all’uopo da loro incaricati con mandato autenticato da notaio, attestante che le liste o le candidature sono presentate in nome e per conto del partito o gruppo politico stesso.

 

6) Programma amministrativo per la pubblicazione sull’albo pretorio on line del Comune in triplice copia e preferibilmente anche su file per una migliore pubblicazione all’albo pretorio del sito internet comunale.

 

Si ricorda che, in considerazione del carattere di specialità della normativa elettorale, in tale procedimento non sono ammesse:

1) l’autocertificazione (articolo 46 del d.P.R. n. 445 del 2000); non è, quindi, possibile
autocertificare l’iscrizione nelle liste elettorali

2) la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (articolo 47 del d.P.R. n. 445 del 2000);
3) la proroga della validità del certificato di iscrizione nelle liste elettorali mediante autodichiarazione dell’interessato in calce al documento (l’articolo 41, comma 2, del citato D.P.R. n. 445 del 2000 si riferisce ai soli certificati anagrafici e a quelli di stato civile, con esclusione, quindi, dei certificati elettorali);

4) la presentazione di documenti alla pubblica amministrazione mediante fax o posta elettronica.

Si rappresenta, inoltre, che le disposizioni del D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell’amministrazione digitale) e successive modificazioni – a norma dell’articolo 2, comma 6, primo periodo, del medesimo atto normativo – “non si applicano limitatamente all’esercizio delle attività e funzioni di ordine e sicurezza pubblica, difesa e sicurezza nazionale, e consultazioni elettorali”.

 

L’ufficio di segreteria è a disposizione per chiarimenti in ordine alla presentazione delle candidature e per effettuare l’autenticazione delle firme di candidati e sottoscrittori.

  1. Tel. 011.95.68.805/4

E-mail segretario@comune.rosta.to.it ; a.canova@comune.rosta.to.it